domingo, 26 de julho de 2015

Mondiali di Kazan 5 Km Arianna Bridi 9ª, Martina Grimaldi 11ª


La statunitense Haley Anderson si conferma campionessa del mondo vincendo la 5 chilometri di Kazan in 58'48"4 (30'27"8 ai 2500), accompagnata sul podio dalla greca Kalliopi Araouzou (58'49"8 / 30'29) e dalla tedesca Finnia Wunram (58'51 / 30'29"5). Il volto della delusione è dell'olandese Sharon Van Rouwendaal allenata da Philippe Lucas; in testa per gran parte della gara, prima di essere chiusa dall'imbuto formato in recupero dal trio medagliato e piazzarsi al quarto posto (58'55"5 / 30'24"2). Le azzurre non sono mai state nel gruppo di testa e quando hanno provato a rientrare sono state respinte anche con qualche colpo di troppo. Nona l'esordiente Arianna Bridi in 59'12"9 (30'32"9); undicesima Martina Grimaldi in 59'16 (30'37"2).
"Ho qualche rammarico perché sento che avrei potuto dare di più. Non mi sento distrutta come dovrebbe essere dopo cinque chilometri nuotati ad un ritmo così elevato - racconta Bridi, trentina che compirà 20 anni il prossimo 6 novembre - All'inizio non sono riuscita a tenere la rotta di Eva Risztov. Mi è scappata via e sono rimasta in gruppo mentre lei si è portata in testa. Poi ho mantenuto una buona andatura; quando ho cercato un varco per accelerare sono rimasta intrappolata sia sulla destra sia sulla sinistra. Ho raggiunto l'obiettivo di arrivare tra le prime dieci - continua la campionessa universitaria della 10 chilometri tesserata per Esercito e RN Trento - ma forse avrei potuto chiudere ancora più avanti. Il bacino è molto bello; l'acqua freddina. Potrebbe condizionare la prestazione nella 25 chilometri".
Rammaricata anche Martina Grimaldi, campionessa uscente della 25 chilometri. "Ne esco un po' così. Felice per aver nuotato vicino al gruppo di testa ed essere stata in zona sprint a lungo; delusa per non aver trovato lo spazio e la velocità per portare l'attacco nel finale". Del resto per la 26enne bolognese di Fiamme Oro Napoli e Uisp Bologna è stata una stagione condizionata da molteplici problemi e la mancanza di allenamento purtroppo nel fondo non fa sconti. "Il mio campionato mondiale finisce qui. Sapevo che questa volta sarebbe stata dura - continua l'azzurra, bronzo olimpico a Londra e vincitrice di oltre dieci medaglie iridate e continentali - Desideravo onorare la maglia dell'Italia e penso di esserci riuscita, almeno in parte. Ho dato e ricevuto molto da questo sport e desidero proseguire la mia carriera ad alto livello; la prossima stagione sarà diversa".
Alle 13 locali, le 12 italiane, è in programma la 5 chilometri maschile con Mario Sanzullo e Matteo Furlan. Si nuota al bacino del fondo che sorge sulla riva del fiume Kazanka e che trova collocazione ai piedi del Cremlino definito bene dell'umanità dall'UNESCO nel 2000. Il percorso è di 2500 metri e volge verso il rientro dopo aver toccato "il centro della famiglia", una struttura architettonica a forma di tempio dove vengono celebrati matrimoni civili. La temperatura dell'acqua è di circa 19 gradi e il bacino apparentemente piatto e melmoso.
Podio e piazzamento italiane
1. Haley Anderson (USA) 58'48"4
2. Kalliopi Araouzou (Gre) 58'49"8
3. Finnia Wunram (Ger) 58'51"
9. Arianna Bridi 59'12"9
11. Martina Grimaldi 59'16"
foto deepbluemedia.eu

consulta i risultati ufficiali




O QUE ACONTECE DE NOTÍCIA NO MUNDO DOS ESPORTES AQUÁTICOS VOCÊ LÊ PRIMEIRO AQUI - BLOG FRANCISSWIM 320.000 VISUALIZAÇÕES / MÊS NA WEB

http://www.kickante.com.br/campanhas/blog-francisswim-esportes-aquaticos




















Nenhum comentário: