terça-feira, 4 de agosto de 2015

Alessandro De Rose più in alto del Cremlino Mondiali Kazan


Fendere l'aria, raggiungere 90 Km/h in accelerazione in meno di tre secondi di evoluzioni e penetrare lo specchio d'acqua come un sassolino in uno stagno. Alessandro De Rose sembra saltare dalla collina del Cremlino di Kazan; ma è solo una questione di prospettiva anche se poi 27 metri non sono pochi. Immaginate di affacciarvi da un balcone al nono piano. Non è per tutti. Saltare giù poi è roba da Redcliff: tuffatori che non hanno paura di volare, con adrenalina spinta al massimo e sommozzatori pronti ad intervenire all'occorrenza. Perché è pericoloso. Non è un giocherello.
L'angelo italiano è cosentino; di transito a Londra prima di fermarsi da da due stagioni alla Trieste Tuffi Edera 1904. Ha compiuto 23 anni lo scorso 2 luglio ed è allenato dalla fidanzata Nicole Belsasso, piattaformista. Chiude la prima sessione della specialità al 18esimo posto con 258,25 punti.
"Sono molto contento per l'interesse che genera la specialità - racconta - Del resto penso sia il momento più spettacolare dei campionato mondiali. Ci danno tutti dei pazzi; ma non è così. Siamo atleti che facciamo attenzione a ogni minimo dettaglio e ci tuffiamo in piena sicurezza. Certo, non si può improvvisare: sarebbe un suicidio. Tenevo molto a fare bella figura. Purtroppo non ho totalizzato un punteggio che mi consentirà di effettuare il quinto salto tra due giorni; ma è il mio primo campionato mondiale, sono tra i più giovani atleti in gara e ho tutto il tempo per migliorare e sognare l'ingresso olimpico della disciplina". La seconda sessione è in programma il 5 agosto alle 14 locali, le 13 italiane.
Formula: finale diretta con due sessione a distanza di 24 ore. Il primo giorno si eseguono un obbligatorio, un intermedio e un libero e si stila una classifica. Il secondo giorno si somma il punteggio di un obbligatorio al totale del primo giorno: i primi 12 effettuano un libero che determina la classifica finale.
Sequenza dei tuffi di Alessandro De Rose; tot. 258,25
302E salto mortale rovesciato teso, carpiato e raggruppato 74,10 (19)
5143D doppio avanti con un avvitamento e mezzo 98,40 (16)
5163B triplo avanti con un avvitamento e mezzo 85,75 (18)
Classifica dopo la prima sessione
1. Gary Hunt (Gbr) 381,80
2. David Colturi (USA) 359,10
3. Jonathan Paredes Bernal (Mex) 350,40
11. Orlando Duque (Col) 319,65
18. Alessandro De Rose (ita) 258,25
Il podio di Barcellona 2013, prima edizione
1. Orlando Duque (Usa) 590,20
2. Gary Hunt (Gbr) 589,30
3. Jonathan Paredes (Mex) 578,35

consulta i risultati ufficiali
foto deepbluemedia.eu














COMPARTILHE ESTE POST E CONCORRA A UM KIT NATAÇÃO (TOUCA- SUNGA OU MAIO - ÓCULOS - TOALHA DE BANHO)

Nenhum comentário: