domingo, 7 de junho de 2015

SIMONE RUFFINI E RACHELE BRUNI VINCONO LA 10 KM - FEDERNUOTO



Rotta verso Kazan, passando per Castelgandolfo. Lo specchio d'acqua dei castelli romani è il teatro dei campionati assoluti sulla 10 km, specialità olimpica. Poi il 10 giugno ci sarà la 5 km mentre il 14 giugno la 25 km. La gara maschile è stata vinta da Simone Ruffini (Esercito/Aniene) che ha regolato il gruppetto di testa in 1h51'58"2. "Stiamo lavorando molto in questo periodo con il mio allenatore (Emanuele Sacchi ndr) - dichiara il venticinquenne di Tolentino che a febbraio ha vinto la prima tappa della Fina Marathon a Viedma in Argentina - era un test ed era importante portare a casa un buon risultato, essendo sempre un campionato assoluto. Se verrò convocato sarà il mio primo mondiale su questa distanza, e spero di dare battaglia in Russia. Ho letto che il super campione Thomas Lurz si è ritirato, ma ci sono molti avversari competitivi tra cui l'olandese Fred Veertman che ha vinto la 10 km continentale a Berlino 2014". Salgono sul podio Federico Vanelli (Fiamme Oro/CC Aniene), secondo in 1h52"00'3, che precede al fotofinish Matteo Furlan (Marina/Team Veneto) terzo in 1h52'00"4. Alle 14.30 al via la prova femminile sempre dal Centro Federale Canoa Via dei Pescatori. Tra le ragazze arrivo in solitario per Rachele Bruni (Esercito/Forum) che vince il titolo italiano in 1h59'54"9, davanti ad Aurora Ponselè (Aniene/Fiamme Oro) seconda in 2h00'23"7 e il bronzo olimpico a Londra 2012 Martina Grimaldi (Uisp/Fiamme Oro), che chiude terza in 2'00"26'0. "Mi aspettavo questa con Aurora Ponselè come al suo solito all'attacco sin dalle prime battute - dichiara la fiorentina allenata da Fabrizio Antonelli. Io ho cercato di rimanere coperta fino a tre quarti gara, per poi imprimere il mio ritmo ad un giro dalla fine quando ho tirato per vincere la gara. Volevo questa vittoria in ottica mondiale; la stagione è iniziata bene con la mia prima vittoria in assoluto coppa del mondo in Argentina, ed ora voglio mantenere questa condizione fino a Kazan, cercando di improntare una gara sempre una gara accorta per poi dare tutto nel finale". Soddisfatto anche il Cittì azzurro Massimo Giuliani che analizza le prestazioni in ottica prova iridata: "Sono state due belle prove; i maschi hanno fatto prima una prova controllata, con Ruffini che da metà gara ha impresso un ritmo di alto livello davanti a Furlan. L'arrivo rispetta le gerarchie attuali e lo stato di forma degli atleti. Bene anche i giovani tra cui Alberto Brumana e Dario Verani in ottica europei juniores. Tra le femmine, una grande partenza della Ponselè che ha provato ad andare subito via, ma le hanno risposto bene le altre tra cui la Bridi che è stata protagonista all'inizio e poi la Bruni e la Grimaldi sempre lì davanti. Tra queste anche la Tettamanzi protagonista tra le giovani. Nell'ultimo giro la Bruni è partita di prepotenza vincendo poi con buon margine. Al mondiale le condizioni gara grosso modo rispecchieranno queste di Castelgandolfo, anche se il lago sarà artificiale e la temperatura dell'acqua sarà superiore a quella di oggi che era di 23/24°. Adesso andremo ad analizzare le altre gare della 5 e 25 km per chiarirci le idee sulle convocazioni iridate".
NUMERI DEGLI ASSOLUTI. Al via 29 femmine e 33 maschi tra cui tutti i big azzurri che stanno primeggiando nella Fina Marathon, come Rachele Bruni e Aurora Ponselè; tra gli uomini tanti azzurri tra cui Edoardo Stochino, Simone Ruffini, Federico Vanelli, Mario Sanzullo e molti altri. Tutte le prove daranno le ultime indicazioni per i qualificati ai mondiali in Russia (25 luglio-1 agosto). Dopo gli assoluti una parte degli azzurri volerà in Ungheria per la quinta tappa della Coppa del Mondo sul lago Balaton il 20 giugno. 

O QUE ACONTECE DE NOTÍCIA NO MUNDO DOS ESPORTES AQUÁTICOS VOCÊ LÊ PRIMEIRO AQUI - BLOG FRANCISSWIM 320.000 VISUALIZAÇÕES / MÊS NA WEB

















Nenhum comentário: